Colecistectomia risarcimento: errori di malasanità

Colecistectomia risarcimento

Colecistectomia risarcimento: quando un intervento di colecistectomia non viene eseguito in maniera adeguata e non viene seguito il protocollo, si può andare incontro a gravi conseguenze. In alcuni casi è possibile richiedere, e ottenere, un risarcimento danni.

In caso di colelitiasi sintomatica, oggi, ci si affida quasi sempre ad interventi di colecistectomia laparoscopica (rimozione della cistifellea attraverso 4 fori di circa un centimetro di diametro) che, però, ha un rischio di complicanze elevato rispetto all’intervento tradizionale, ovvero la colecistectomia laparotomica (rimozione della cistifellea mediante taglio e apertura dell’addome).

Quando il chirurgo rimuove la cistifellea deve recidere il dotto cistico, che viene prima sigillato mediante una clip in modo che la bile non fuoriesca e si versi sullo stomaco al momento del taglio.

Questa procedura va a buon fine se il chirurgo presta attenzione a cosa taglia e dove cuce, individuando sia il dotto cistico che l’arteria cistica, ma anche e soprattutto i vasi sanguigni e la vena porta.

La colecistectomia laparoscopica è spesso associata ad errori medici che compromettono la qualità di vita (ad esempio quando viene reciso il dotto biliare anziché quello cistico) e in alcuni casi addirittura la vita stessa del paziente. È il caso del familiare di un nostro assistito, che si è rivolto a noi per ottenere un risarcimento danni per malasanità; la vittima infatti, sottopostasi ad intervento di colecistectomia, è deceduta per gravi complicanze insorte durante l’operazione.

Colecistectomia effetti collaterali: lesioni dei vasi sanguigni

Uno dei maggiori pericoli della colecistectomia, soprattutto di quella di tipo laparoscopico, è costituito dalle emorragie, poiché anteriormente all’albero biliare sono collocati molti grandi vasi sanguigni che non hanno un numero e una posizione costante in tutti gli esseri umani, per cui il rischio di reciderli è molto alto.

C’è un vaso sanguigno che in particolare viene incontrato più di frequente: l’arteria pancreaticoduodenale posteriore superiore, anteriore alla parte retroduodenale del dotto biliare comune.

Un’altra complicanza grave sono le lesioni alla vena portale o alla vena cava inferiore che, qualora vengono intaccate, devono essere riparate immediatamente.

Altre complicanze possono essere:

  • emorragia da vene del letto colecistico o da vene del dotto biliare comune;
  • ischemia al fegato da legatura accidentale dell’arteria epatica destra (infatti una modifica nell’apporto di sangue del dotto biliare comune può causare ischemia);
  • legatura dell’arteria cistica o dei suoi due rami (anteriore e posteriore), vicino alla parete della colecisti.

Qualora si verifichino queste condizioni ci troviamo già in condizione di malasanità, che si aggrava laddove il chirurgo non abbia tempestivamente diagnosticato e trattato la lesione causata dal suo stesso errore. Addirittura in alcuni casi il chirurgo non riesce a rilevare l’errore, oppure lo prende sottogamba e non converte l’intervento da colecistectomia laparoscopica a colecistectomia laparotopica.

Colecistectomia risarcimento: morire per malasanità

Il signor B.F., che all’epoca dei fatti descritti era appena settantenne, iniziò a sperimentare sintomi strani, quali bruciori di stomaco, prurito sul corpo e un colorito della pelle giallognolo. Così si è rivolto al medico di famiglia che ha prescritto degli esami di laboratorio. Gli esiti (ittero e ipertransaminasemia) hanno indotto il medico a prescrivere il ricovero immediato in ospedale, che ha avuto la durata di 2 settimane, durante le quali al paziente è stata diagnosticata una calcolosi della colecisti con colecistite acuta ed ostruzione delle vie biliari. Così il signor B.F. è stato inserito in lista d’attesa per l’intervento di colecistectomia e, intanto, gli era stata prescritta una terapia farmacologica e una dieta alimentare specifica.

Tre mesi dopo il paziente è stato ricoverato per le indagini propedeutiche per l’intervento di colecistectomia laparoscopica che avrebbe affrontato il giorno dopo. L’intervento si è poi tramutato in colecistectomia laparotomica (con taglio e apertura dell’addome), per via di complicanze emorragiche.

Difatti l’intervento si è protratto ben oltre il tempo solitamente necessario per questo tipo di operazioni, ovvero circa 4 ore e mezza. Al termine dell’intervento il signor B.F. è stato posto, inaspettatamente per la famiglia, in terapia intensiva e, qualche giorno dopo, è stato addirittura trasferito di ospedale presso un’Unità di Chirurgia Epato-Biliare a causa di lesioni gravissime.

Presso il nuovo ospedale il paziente venne sottoposto ad una TAC al torace e all’Addome che confermò l’ulteriore peggioramento delle condizioni cliniche, per cui il giorno dopo si dovette eseguire un intervento di laparotomia esplorativa urgente che mostrava gravissime lesioni iatrogene post-colecistectomia.

Ciò che si scoprì fu incredibile: la vittima aveva subito una legatura totale e la sezione della vena porta e della via biliare principale, la legatura e la sezione dell’arteria epatica alla biforcazione, e la perforazione del colon con iniziale peritonite stercoracea.

Purtroppo la vicenda si è conclusa nel peggiore dei modi: il signor B.F. è stato trasferito in Rianimazione ma, per via di insufficienza epatica, non ha mai ripreso conoscenza ed è deceduto il mattino dopo.

Colecistectomia laparoscopica e lesioni, le cause

Se un chirurgo commette uno o più dei seguenti errori, quasi sempre si incorrerà in una lesione:

  • Piano di dissezione troppo profondo sul letto fegato.
  • Errata identificazione del dotto aberrante destro in luogo del dotto cistico.
  • Errata identificazione dei dotti biliari in luogo del dotto cistico.
  • Errata identificazione del dotto biliare comune il luogo del dotto cistico.
  • Uso imprudente di energia termica al fine di sezionare, controllare il sanguinamento, o dividere i tessuti.
  • Incompleta occlusione del dotto cistico.
  • Uso imprudente di clip per controllare il sanguinamento.
  • Lesioni causate da tecniche di esplorazione duttale improprie.

Se credi che tu o un tuo familiare abbiate subito dei danni a causa di un intervento di colecistectomia non gestito bene dovresti rivolgerti ad un avvocato specializzato in malasanità.

Aiuto Malasanità dispone di un team di avvocati e medici legali esperti in danni da malasanità, che saprà dirti se hai diritto a un risarcimento danni.

Leggi anche “Avvocato malasanità: come scegliere quello giusto

Non dovrai mai pagare alcun costo se prima non otterrai il risarcimento: anche le visite specialistiche saranno a nostro carico.

Se hai bisogno del supporto dei nostri professionisti, che sapranno indirizzarti sulle azioni giuste da compiere, chiedi una consulenza gratuita per un’analisi dettagliata dei fatti: confrontati con il nostro team avviando la live chat, oppure contattarci attraverso il form di contatto. Siamo presenti su tutto il territorio nazionale (malasanità Napoli, malasanità Roma, malasanità Torino, malasanità Milano, ecc…).

Lascia i tuoi dati, raccontaci brevemente il tuo caso e ti ricontatteremo al più presto




Ho letto e accetto l’Informativa sulla Privacy